• Redazione

Pepito non basta al Genoa



SERIE A/ROSSI TORNA AL GOL, MA ALLA FINE LA FIORENTINA VINCE LA SAGRA DEL GOL

GOL, EMOZIONI e polemiche al Ferraris per Genoa-Fiorentina che si infiamma nella ripresa dopo che i Viola erano passati in vantaggio alla fine della prima frazione con Benassi. Nel secondo tempo succede di tutto con il Genoa che prima rimonta con Rossi, tornando al gol in Italia dopo quattro anni e poi con Lapadula prima di rima- nere in dieci per l’espulsione diretta di Pandev. In superiorità numerica i Viola ribaltano ancora con Eysseric e Dabo, mentre il Genoa reclama per un rigore su Lapadula in pieno recupero, e possono continuare a inseguire l’Europa. L’avvio di gara ha ritmi bassi con il Genoa che si difende bene e cerca di sfruttare la velocità di Medeiros e Pepito Rossi, per la prima volta titolare. La prima conclusione della partita arriva all’11' e porta la firma di Badelj che da fuori area impegna Perin. Il Genoa prova a rispondere con alcune incursioni sulle fasce ma senza sfruttare al meglio gli spazi. La Fiorentina fatica ad entrare in area genoana e ci prova così da fuori, ma la mira non è precisa come dimostra Biraghi, potente ma a lato. Hiljemark protagonista al 35' quando su punizione dal vertice di sinistra punta direttamente la porta ma Sportiello è attento e in tuffo devia in angolo. Nel finale di tempo, al 43', arriva il vantaggio degli ospiti che sfruttano al meglio un errore di Spolli su Simeone, l’argentino evita Perin in uscita servendo l’accorrente Benassi che deve solo appoggiare in rete. Al rientro dagli spogliatoi Ballardini inserisce subito Pandev per un deludente Rosi ma è la Fiorentina a rendersi pericolosa al quinto sugli sviluppi di un corner con Spolli che salva su una deviazione ravvicinata di Benassi. L’inserimento di Pandev serve comunque a rivitalizzare il Genoa e Ballardini al quarto d’ora disegna un Genoa ancora più offensivo inserendo Bessa per Veloso. La mossa provoca l’effetto sperato e il Genoa in tre minuti ribalta il risultato prima con il ritorno al gol di Pepito Rossi che si fa trovare pronto al 19' su assist di Bessa (Rossi non segnava in Italia dal 6 maggio 2014), poi con Lapadula che al 22', entrato da pochi secondi proprio al posto di Rossi, appoggia in gol su assist di Hiljemark. In mezzo la Fiorentina aveva colpito un palo con un tiro di Dabo dal limite. La gara si scalda e al 26' il Genoa rimane in dieci per l’espulsione diretta di Pandev, reo di aver colpito a piedi uniti Gaspar. In superiorità numerica la Fiorentina si lancia alla ricerca del pareggio che arriva al 32' dopo che Perin aveva salvato in precedenza su Falcinelli. La rete del 2-2 porta invece la firma di Eysseric, entrato da poco, che raccoglie dal limite una respinta di Perin anticipando tutti. La controrimonta degli ospiti si concretizza al 36' quando Dabo finalizza al meglio con un perfetto diagonale un assist di Falcinelli. Nel finale viene espulso anche Zukanovic, direttamente dalla panchina, per proteste. E c’è ancora tempo per i giocatori del Genoa per reclamare in pieno recupero per un’entrata in area su Lapadula che Manganiello considera però regolare, lasciando correre.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA