Piñera chiede scusa ai cileni

MEA CULPA DEL PRESIDENTE PER GLI SCONTRI: 18 MORTI. IL PAPA: BASTA VIOLENZA



SANTIAGO DEL CILE.Clamorosa marcia indietro in Cile del presidente Sebastián Piñera che, dopo aver dichiarato la settimana scorsa che il Paese era “in guerra contro un nemico potente” ha invece ora “chiesto scusa” alla popolazione, ammettendo una “carenza di analisi” sulla situazione del Paese. La situazione a Santiago del Cile e in molte altre città rimane tesa, con un bilancio di morti salito a 18, e con due giorni di sciopero indetto da una ventina di organizzazioni sociali e sindacati che si realizza nonostante la permanenza dello stato di emergenza che vieta le manifestazioni pubbliche. In più l’opinione pubblica è scossa per il moltiplicarsi di denunce presentate dall’Istituto nazionale dei diritti umani (Indh) riguardanti l’atteggiamento brutale dell’esercito contro la cittadinanza, e torture eseguite dai soldati in luoghi pubblici, come la stazione Baquedano della metro di Santiago. L’emergenza cilena ha colpito anche papa Francesco che al termine dell’udienza generale ha detto:“Seguoconpreoccupazione quanto sta accadendo in Cile. Mi auguro che, ponendo fine alle violente manifestazioni, attraverso il dialogo ci si adoperi per trovare soluzioni alla crisi e far fronte alle difficoltà che l’hanno generata, per il bene dell’intera popolazione”. Da parte sua il capo dello Stato cileno, che aveva già fatto annullare l’aumento del prezzo del biglietto della metropolitana elemento scatenante delle proteste, ha corretto ampiamente il tiro della sua strategia impostata sull’uso del ‘pugno di ferro’ contro i manifestanti, mostrando comprensione per il fondo delle loro rivendicazioni. E così, pur rifiutandosi di fare marcia indietro sulle misure eccezionali, sull’uso dell’esercito in funzione di ordine pubblico e escludendo per il momento un rimpasto di governo, ha chiesto in tv “perdono” per non aver compreso la drammaticità della situazione sociale esistente, annunciando una serie di proposte per “una agenda sociale di unità nazionale”. In un discorso dal Palazzo della Moneda, Pinera ha detto di “aver ascoltato la gente”, illustrando un pacchetto di dieci misure sociali da applicare con urgenza. Molte di esse riguardano le pensioni, completamenbte in mano ai privati, e fra le più basse del pianeta. Il governo, ha assicurato, interverrà inoltre per ridurre il costo della salute e dei farmaci, per aumentare il salario minimo e creare una imposta sulla ricchezza. La disparità fra ricchi e poveri in Cile è la più alta d’America latina, dove il salario minimo da marzo è di 300.000 pesos, ossia meno di 400 euro. Sull’onda delle proteste, il Parlamento sta già studiando una riduzione dello stipendio e del numero di deputati e senatori. I primi guadagnano l’equivalente di 8.330euroedisenatori11.820euro.

ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA