Portogallo in 3 minuti



IN SOLI TRE minuti, quelli intercorsi fra il 5' e l’8' del secondo tempo, il Portogallo e il suo trascinatore Cristiano Ronaldo entrano nella storia. Più dei mostri sacri del calcio lusitano, oltre Eusebio, Simoes e Coluna, al di là dei giganti che, negli anni ’60, proiettarono il Benfica Lisbona nell’Olimpo del calcio europeo, ma anche la Nazionale verso traguardi impensabili nella Coppa Rimet del 1966, in Inghilterra, che per l’Italia fu una... Corea.

CR7 e compagni sono riusciti addirittura a conquistare la semifinale dell’Europeo (chi lo avrebbe potuto prevedere?), piegando il Galles per 2-0 con un micidiale uno-due firmato dallo stesso pluripallone d’oro del Real Madrid e da Nani, quello che sarebbe dovuto essere il suo successore nel Manchester United di sir Alex Ferguson. I due attaccanti lusitani hanno spezzato il sogno proibito dei britannici, ai quali Gareth Bale non è riuscito a garantire il consueto apporto, in termini di pericolosità e dinamismo. La squalifica del gioiellino dell’Arsenal, Aaron Ramsey, uomo di raccordo fra centrocampo e attacco, ma soprattutto giocatore in grado di distillare perle di fantasia in una squadra fin troppo essenziale e pragmatica, ha fatto il resto, rivelandosi più deleteria del previsto.

Anche il Portogallo aveva il suo big a riposo, per decisione della Commissione arbitrale dell’Uefa: l’assenza di Pepe in campo, però, non si è fatta sentire e i portoghesi sono così riusciti a qualificarsi per la prima finale della loro storia. Incontreranno, domenica a Parigi, la vincente del match tra Francia e Germania che si sono date appunta- mento domani sera, nello stadio Velodrome, a Marsiglia.

Dopo un primo tempo non privo di emozioni, giocato su ritmi decisamente alti, malgrado l’epilogo del torneo sia vicino, il Portogallo ha risolto il match nella ripresa con l’uomo migliore, che era dato in condizioni non ottimali, invece è stato decisivo. Cristiano Ronaldo ha raccolto di testa, dopo 5' di gioco, un cross dalla destra di Guerreiro su angolo e ha battuto il portiere avversario. Lo stacco e la torsione sono da Pallone d’Oro. Passano 3' e Nani raccoglie un tiro strozzato di CR7 e chiude il match. La doppia mazzata manda al tappeto il Galles che non riuscirà più a rialzarsi. Anzi, saranno i portoghesi a sfiorare in più occasioni la terza rete, prima di esultare, fare le valige e trasferirsi a Parigi, ad aspettare la vincente della sfida di do- mani sera. La storia, in ogni caso, è già riscritta.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA