Prada alla scoperta del mondo con la casa nello zaino



MILANO. Dalla rilettura dei drammi del passato dell’ultima stagione, Miuccia Prada con la collezione uomo per la prossima estate passa a raccontare l’oggi, incarnato da “giovani alla scoperta del mondo, in cerca di condivisione e avventure”. Sono viaggiatori che si portano la casa in uno zaino “perché viviamo in un mondo difficile, improbabile, insicuro, in una sorta di stato di emergenza”. Ma comunque migliore di “un passato tragico”: “sono ottimista per una scelta ideologica - sottolinea la stilista - il presente mi sembra più roseo, o comunque cerco di vederlo così”.

A sottolineare questa spinta verso il futuro anche l’allestimento della sala, con una rampa metallica che sale verso il soffitto come passerella e i modelli che risalgono il pendio sotto gli sguardi di ospiti come Jessica Chastain, Willem Dafoe, Matteo Garrone, Valeria Golino, Milla Jovovich, Sasha Pivovarova, Micaela Ramazzotti, Alessandro Roja, Claudio Santamaria, Kasia

Smutniak e Luca Guadagnino. Tutto in passerella è esattamente come descritto da Miuccia Prada: “fresco, legge- ro, attuale”. Non ci sono riferimenti al passato di alcun tipo, ma tanti richiami al mondo del-

lo sport e dell’active, insieme a citazioni di culture lontane ma spogliate di riferimenti etnici.

Tutti i ragazzi hanno grandi zaini, dove sono appese scarpe, borracce, giubbini: “L’anno scorso l’uomo si portava dietro pezzi di storia, questa volta - scherza la stilista - si porta appresso pezzi di casa per essere preparato all’emergenza”. Tutto comunque rimane leggero, divertente, come le vignette sugli aztechi, gli indiani, l’Islanda che sono i piccoli richiami della collezione a mondi lontani, insieme alle stoffe che arrivano dall’India e dal Giappone. Una umana voglia di condivisione, fatta anche di colori accesi e stoffe calde come quelle dei gilet tricottati, che bilancia la parte tecnico sportiva dei parka lunghi e leggerissimi, dei leggings aderenti come scuba, dei sandali da trekking, dei pantaloni da jogging in tela paracadute, degli stivaletti da immersione, delle tute da paracadutista. Anche i capi più formali come il cappotto con le spalle ben segnate e il taglio asciutto sono abbinati ai grandi zaini, ai sandali sportivi, alle fasce da tennista con motivi a zig zag, ai grandi cappelli da pescatore. I blouson hanno piccoli motivi di palme e casette sulla spiaggia, le camicie di tartarughe marine, i parka hanno l’immagine della terra vista dall’alto, i pantaloni in jersey sono segnati da bande fluo a contrasto, tutto ha un’aria giovane e fresca. Anche lei si muove leggera con abitini dal fondo arricciato con fantasie di elefantini, soprabiti a fiorellini, parka dalle fanta- sie accese e sandali scuba. “Per pigrizia non volevo più far sfilare lui e lei insieme, ma non ho preferenze - dice la sti- lista riguardo alla tendenza di presentare insieme lui e lei - basta fare un lavoro di dialogo, non credo che ognuno possa fare quello che gli pare, ci deve essere una decisione condivisa”. Intanto lei ha deciso di lanciare insieme, in occasione della sfilata di ieri, le nuove fragranze La Femme Prada e L’Homme Prada, con le due bottiglie che si incastrano l’una con l’altra.


AmericaOggi.us Tutti i diritti riservati

Crea un account
e ottieni contenuti esclusivi e molto altro