• Redazione

“Premio ai nostri film liberi”



ROMA. E’ un Roberto Benigni raggiante, quello che è arrivato ieri sera a palazzo Farnese insieme alla moglie Nicoletta Braschi per ricevere il Globo d’Oro alla carrie- ra attribuito ad entrambi dall’associazione Stampa Estera in Italia. L’attore e regista toscano nel rispondere ai giornalisti ha evitato ogni polemica preferendo ricorre- re alle battute. Come quando gli è stato chiesto cosa pensasse delle critiche che gli ha fatto Dario Fo dopo che Benigni aveva dichiarato che avrebbe votato sì al referendum sulla Costituzione.

“A Dario Fo non si risponde, è come la mamma” ha detto il regista, che ha anche annunciato di stare pensando al nuovo film. “Sarà una commedia, un film diver- tente sull’animo umano, come quelli che abbiamo fatto in passato. Naturalmente ci sarà Nicoletta, senza di lei, senza i suoi colori non so fare nulla”. Al giornalista che lo ha punzecchiato chiedendogli se il tema del film potesse essere sulla Costituzione o il referendum, il regista ha risposto pron- to: “perché no, si potrebbe intitolare Si o No”.

Il regista e attore nel ricevere con la moglie il Globo d’Oro alla carriera ha espresso tutta la sua felicità: “Un premio insieme è una cosa bellissima, anche perché noi abbiamo fatto quasi tutto insieme, abbiamo prodotto e interpretato dei film indipendenti e liberi in un Paese libero. Sono grato a questa incantevole donna e attrice che non mi fa dormire la notte, che mi ispira con la sua presenza i suoi colori. Se qualcosa di buono ho realizzato è grazie a lei”.

Benigni ha aggiunto che “quando mi hanno detto del premio ho pensato si fossero sbagliati, perché siamo due bambini, abbiamo appena cominciato - ha scherzato -. Abbiamo fatto solo otto film insieme. Questo premio è la spinta a fare cose sempre più belle”. Il Globo d’Oro alla carriera per lui “è il riconoscimento più bello di tutti, è come se fosse stato premiato ogni film fatto insieme”. Il regista ha concluso il suo discorso-show dedicando a tutte le donne il sonetto di Dante da “La vita nova”, “Tanto gentile e tanto onesta pare”.

Nicoletta Braschi, anche lei felicissima ha ringraziato il marito: “Ho avuto l’enorme fortuna di incontrarlo e di lavorare con lui, è un gigante, un attore e un regista immenso, dedico il premio a tutti gli spettatori che quando mi incontrano mi dicono quanto hanno amato i nostri film”.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA