Produzione industriale/Torna il segno «più»



Crescita dello 0,1% a ottobre, ma gli esperti escludono una forte accelerazione

ROMA. Tornano segnali d'espansione dalla produzione industriale, che dopo 3 trimestri in negativo a ottobre rivede il segno più. Ma i dati suggeriscono prudenza, e gli economisti vedono una fine d'anno stretta fra stagnazione e un'espansione molto bassa che non preannunciano un 2019 roseo. La produzione industriale - ha comunicato l'Istat - è salita dello 0,1% a ottobre rispetto al mese precedente (+1% su base annua), trainata dai beni di consumo (+1,3% su mese) ma appesantita dall'energia (-3%) e dai beni intermedi (-0,3%). Meglio, dunque, dopo il -0,1% di settembre, e soprattutto dopo tre trimestre di fila col segno meno, -0,3% tra gennaio e marzo, poi -0,2% e -0,1%. Il dato, inoltre, ha stupito, in positivo, gli economisti che avevano previsto, nella media di un sondaggio Bloomberg, un calo dello 0,3% a ottobre. Nella media dei primi dieci mesi dell'anno la produzione cresce dell'1,7% rispetto all'anno precedente, mentre l'incremento tendenziale di ottobre è il secondo consecutivo dopo le flessioni di luglio e agosto. Un segnale di fine anno incoraggiante per il governo. Perché se, al contrario, la crescita negativa del Pil del terzo trime-stre (-0,1%) si dovesse trascinare anche al quarto, l'Italia sarebbe l'unica fra le principali economie mondiali a tornare in recessione conclamata. Con l'aggravante che l'effetto di trascinamento sul 2019 metterebbe una pietra tombale sulle previsione di crescita alla base della manovra (1,5%), già ritenuta molto difficile (per alcuni fuori portata) da Fmi, Banca d'Italia, Commissione Ue, Ocse e dalle agenzie di rating: inevitabile che verrebbe completamente scompaginato lo scenario di bilancio. Tuttavia, gli economisti invitano a prendere i dati di ottobre con prudenza, vista la congiuntura appesantita dai segnali di 'guerra' sul fronte dei dazi, dalle incertezze sulla politica di bilancio italiana e da una generale frenata delle principali economie che non può non coinvolgere l'Italia. Lorena Federico, di Unicredit, si aspetta che la produzione industriale "rimanga debole nei prossimi mesi a causa di un significativo rallentamento della domanda".


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA