Prossimo obiettivo Raqqa


SIRIA/LE FORZE SDF APPOGGIATE DAGLI USA AVANZANO VERSO LA “CAPITALE” DELL’ISIS


DAMASCO. Offensiva a tutto campo in questi giorni contro i terroristi dell’Isis in Siria e Iraq, ma anche in Libia e nello Ye- men, dove i jihadisti sono costretti ad ar- retrare e ad abbandonare alcune loro roc- caforti. Si lasciano però alle spalle centi- naia di morti e devastazioni, mentre i com- battimenti continuano comunque feroci in varie zone di questi Paesi dove il Califfa- to aveva affondato più in profondità le pro- prie sanguinarie radici.

Nel nord della Siria, dopo la libera- zione un paio di giorni fa della città di Manbji, per più di due anni e mezzo sotto il tallone dei jihadisti, le Forze democra- tiche siriane (Sdf) a predominanza curda si stanno organizzando per la prossima of- fensiva. L’intenzione è quella di dirigersi a sud per riconquistare, sempre con il so-

stegno degli Usa, quella che l’Isis ha eletto a pro- pria capitale in Siria, Raq-

qa. Nella loro ritirata però, i fondamentalisti islamici continuano a compiere atrocità per terrorizzare la popolazione. E non si fer- ma neanche la lunga ago- nia di Aleppo dove i com- battimenti tra governativi e ribelli hanno causato tra ieri e oggi decine di vitti- me. Ieri sono state anche pesantemente bombardate la vicina città di Idlib e lo- calità limitrofe dove distinguere tra jihadisti dell’Isis e ribelli anti- Assad è un rebus che nessuno sembra in- teressato a risolvere. 26 i raid odierni che, secondo fonti dell’opposizione, sono sta- ti compiuti dai caccia russi e che avreb- bero colpito indistintamente i nemici di Damasco.

Mosca non ribatte, ma riferisce che i suoi jet hanno distrutto mezzi militari e de- positi di armi e munizioni dell’Isis. Regi- strano vittorie contro i miliziani del Ca- liffato anche i curdi iracheni, i Peshmer- ga, che ieri hanno riconquistato cinque vil- laggi a est di Mosul in un’operazione co- minciata ieri e pianificata proprio per co- stringere i jihadisti ad abbandonare la loro roccaforte in Iraq. Il Consiglio di sicurez-

za della regione curda ha comunicato che l’avanzata verso la seconda più grande città irachena continua e che, con il sup- porto degli aerei della coalizione a guida Usa, altri villaggi stanno per essere libe- rati. Dall’Iraq alla Libia. Qui è Sirte la città dalla quale i terroristi dell’Isis sono stati in gran parte sloggiati in questi ultimi giorni.

Ieri le milizie che li hanno a più ripre- se sconfitti hanno fatto sapere di aver con- quistato anche il ‘quartiere due’ ma di es- sere costretti a procedere con cautela per- ché le strade sono state minate e negli edi- fici sono state piazzate bombe-trappola. Nella lenta avanzata casa per casa è stata anche scoperta una sartoria dove veniva- no cuciti bandiere e abiti per lo Stato isla- mico.

La Libia resta comunque un terreno estremamente complesso, dove sono mol- tissimi i gruppi armati che agiscono auto- nomamente. A Tripoli le ‘Brigate dei ri-

voluzionari’ capeggiate da Haithan Al- Tajouri si sono impadronite della sede dei servizi d’informazione dopo aver preso il controllo della vicina sede dell’Istruzio- ne e dei ministeri della sanità e delle co- municazioni. Non è dato sapere, secondo varie fonti, se agiscano per conto del Con- siglio presidenziale e del governo di uni- tà nazionale oppure no.

Infine lo Yemen, dove l’Isis e al Qae- da negli ultimi due anni hanno approfitta- to della guerra civile per conquistare ter- ritori nel sud del Paese. I governativi del presidente Abd Rabbo Mansur Hadi (ri- conosciuto a livello internazionale e so- stenuto dall’Arabia Saudita) hanno infatti avviato con l’appoggio aereo dei sauditi un’operazione a est di Aden, città portua- le divenuta la capitale di Hadi dopo che Sanaa è stata conquistata dai ribelli sciiti Houthi. Due i villaggi finora strappati ai fondamentalisti islamici, costretti a spo- starsi verso aree meno strategiche.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA