Quello di Trump è un ricatto



DAZI/LA UE NON ACCETTA LA “SOSPENSIONE TEMPORANEA”: VUOLE L’ESENZIONE

BRUXELLES. Quasi un ricatto. E per di più con la “pistola puntata alla tempia”, come ha sintetizzato il premier belga Charles Michel dando voce ai pensieri di molti a Bruxelles. L’esenzione solo temporanea dai dazi concessa dagli Usa all’Ue per appena poco più di 5 settimane ha fatto infuriare i 28, da una parte obbligati a far buon viso a cattivo gioco e dall’altra increduli per il trattamento ricevuto dal presidente americano Donald Trump. La spada di Damocle del primo maggio suona infatti più come una minaccia che una promessa di chiarimenti tra Washington e Bruxelles. Una “scadenza artificiale”, nelle parole della commissaria Ue al commercio Cecilia Malmstroem, subito respinta anche dal presidente della Commissione Jean-Claude Juncker: “Impossibile” da rispettare. Il livello di comunicazione tra le due sponde dell’Atlantico pare non essere mai stato così basso: nemmeno la cortesia di informare sullo slittamento dei tempi decisionali. Il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk ha dovuto rinviare per ben due volte la discussione al vertice Ue sui dazi sino a ieri mattina, costringendo tra l’altro la premier britannica Theresa May a pro- lungare di un giorno la sua permanenza a Bruxelles. La lunga attesa notturna si è poi conclusa con un risultato tutt’altro che soddisfacente e che ha messo l’Europa sullo stesso piano di partenariato con gli Usa della Corea del Sud: “Una buona e una cattiva notizia insieme”, ha riassunto il presidente della Commissione. Se da un lato Trump ha rinunciato - almeno per ora - a dividere i 28, dall’altro è “altamente impossibile coprire tutte le questioni Ue-Usa da qui al primo maggio”, ha avvertito Juncker. E questo, poi, per negoziare un’esenzione permanente a misure “contro le regole internazionali” Wto e che costituiscono “un’azione unilaterale altamente infelice”, ha attaccato Malmstroem, che ha passato gli ultimi giorni a fare un pressing intensivo sugli omologhi Usa Wilbur Ross e Robert Lighthizer. Bruxelles, pur ribadendo la sua vlontà di dialogo, non abbasserà la guardia: “L’Ue manterrà anche le sue opzione aperte” in risposta ai dazi, ha avvertito la commissaria. La risposta di Trump alla sovraccapacità produttiva, soprattutto originata dalla Cina, “è una cattiva strategia”, ha sottolineato il presidente francese Emmanuel Macron, che si è speso personalmente negli scorsi giorni per evitare i dazi all’Ue. Un punto chiave, questo, sottolineato anche dal presidente dell’Europar- lamento Antonio Tajani: “Noi non abbiamo un problema fra Usa e Ue. Il problema è tra Usa, Ue e soprattutto Cina per quanto riguarda l’acciaio e l’alluminio”. Il conto alla rovescia per convincere anche Trump e disinnescare una guer- ra commerciale è già cominciato.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA