Renzi e signora dagli Obama


STASERA LA CENA DI STATO ALLA CASA BIANCA CON LE “ECCELLENZE” D’ITALIA


WASHINGTON. Alla Casa Bianca fervono i preparativi per l’ultimo“Statedinner”chequesta seraBarackObamaelaFirstLady Michelleoffrirannoconimassimi onoriaMatteoRenzieallamoglie Agnese. Una cena “scintillante”, titola il Washington Post, con la quale il presidente uscente americano vuole suggellare la fiduciaalpremieritalianoeallesue riforme, sostenendolo come “alleato chiave” in Europa anche in vista delle imminenti elezioni americane.UnassistaRenziperil referendumdidicembrecheilcapo del governo italiano valorizza portandoconsealcunisimbolidel Belpaese, da Benigni adArmani, daGiusiNicoliniaBebeVio.

Il portavoce della Casa Bianca, parlando durante il consueto briefing giornaliero, ha affermato che Renzi è un partner importante che contribuisce alla stabilitàeallasicurezzainEuropa. E che questo incontro rappresenta una “opportunità per discutere insieme di importanti sfide”: dai cambiamenti climatici all’Iraq,allaSiriaallaLibia,finoai temidell’immigrazione.

“Molti dei temi sui quali discutiamoafondoquirelativialla comunità internazionale sono temi riguardoai qualigli StatiUniti traggono significativi benefici dal sostegnoedall’amiciziadell’Italia”, ha sottolineato tra l’altro Josh Earnest nel suo briefing con la Stampa. “E tenere un evento cerimoniale come una visita di Stato e una cena di Stato per suggellare tale partnership e tale amicizia, tale alleanza, è qualcosa che il presidente ha ritenuto importante” prima di lasciare l’incarico”, ha aggiunto.

Il premier italiano è sbarcato ieri sera a Washington per una cenaaportechiuseaVillaFirenze, residenza dell’ambasciatore italiano Armando Varricchio, con ladelegazioneitaliana,imprenditori ed esponenti della mondo economico-finanziario statunitensi. Ma sarà oggi la giornata clou nella quale la Casa Bianca, già ieri decorata con bandiere italiane che sventolano al fianco di quelle a stelle e strisce, omaggerà il premier italiano che incasserà il più alto riconoscimento politico-diplo- matico da quando è al governo.

Il feeling di Obama per colui che è stato ribattezzato il “Justin Trudeau della politica europea”, indueanniemezzosiètrasformato da una simpatia per l’”energia” di Renzi ad un asse che va dalla totale sintonia sulla crescita in antitesi all’austerity agli impegni da “alleato fidato” assunti dall’Italia in Libia e nella Nato. E Renzi non fa mistero di voler “copiare” il presidente Usa in una strategia economica espansiva che gli farà da faro quando, fresco della legge di bilancio, volerà giovedì al consiglio europeo per cominciarealavorarealfiancodei partnereuropeoperstrapparel’ok alla manovra. Al colloquio in mattinata con Obama, con conferenza stampa nel Giardino delle Rose, seguirà un pranzo al Dipartimento di Stato offerto dal vicepresidente Joe Biden e dal segretario di Stato John Kerry. Agnese Renzi visiterà con Michellel’ortodellaCasaBianca, simbolo di un’agricoltura sostenibile e del rispetto dell’ambiente di cui Obama ha fatto uno dei mantra della sua presidenza. Un’accoglienza “da star”, secondo il Financial Time, che culminerà nella cena di Stato, un onore che la Casa Bianca riservasoloaglialleatiprivilegiati. Uno State dinner di cinque portate, curato da Mario Batali, chef di grido della cucina Usa, e reso rock dagli Obama con la scelta di far esibire la cantante GwenStefani.

Renzi, che considera la visita la dimostrazione che “l’Italia non è più il fanalino di coda” ma può tornare a mettersi nei paesi testa di serie, ha portato con sé le eccellenzeitaliane:lacampionessa paralimpica Bebe Vio, che twitta emozionatal’abitolungoperilgala, la direttrice del Cern Fabiola Gianotti,lasindacadiLampedusa Giusi Nicolini, la curatrice del dipartimento di Architettura e DesigndelMomaPaolaAntonelli saranno il simbolo, assieme a RobertoBenigni,GiorgioArmani e Paolo Sorrentino, che l’Italia, ripete il premier, ha tutte le carte “per essere orgogliosa di essere un grande Paese”. Un riconosci- mentoall’interoPaese,insomma, e non solo al governo, che sarà rappresentato dal ministro Paolo Gentiloni e dal presidente dell’Anac Raffaele Cantone.

La visita, però, non è solo un omaggio a Obama. Il legame con il presidente uscente è per il premier italiano il ponte per costruire sin da subito un legame con Hillary Clinton, che ora nei sondaggi Usa è saldamente in testa nella battaglia elettorale contro Donald Trump. Domani Renzi,dopolavisitaalcimiterodi Arlington e la “conversation” alla JohnHopkinsUniversity,pranzerà con esponenti dello staff della Clinton in un appuntamento organizzato grazie al think tank di John Podesta, presidente della campagna elettorale della candidata democratica. L’obiet- tivo è consolidare il legame con gli Usa anche nell’era che comincerà dopo Obama.

In alto, lo chef Mario Batali ieri alla Casa Bianca già al lavoro per l'ultimo “State dinner” che questa sera Barack Obama e la First Lady Michelle offriranno con i massimi onori a Matteo Renzi e alla moglie Agnese. A sinistra, la deco- razione dei tavoli della cena (foto Ansa)


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA