Renzi insiste sul ballottaggio



GOVERNO/CONFRONTO CON BERLUSCONI SULLA LEGGE ELETTORALE E I TEMPI DEL VOTO

ROMA. Con l’abilità tattica che caratte- rizza politica e leader, Matteo Renzi e Sil- vio Berlusconi, in un confronto a distan- za su “La Repubblica” e “Il Corriere della Sera”, tengono le carte coperte sulle reali intenzioni rispetto al voto anticipato: il lea- der Pd non calca la mano sulle urne a giu- gno, che preferirebbe, mentre il Cav so- stiene di desiderare il voto “nel più breve tempo possibile”, ma sa che tecnicamen- te “i tempi non saranno brevissimi”.

Quanto alla legge elettorale, se i con- tatti tra gli sherpa sono già partiti, nulla accadrà prima della Consulta del 24 gen- naio, quando si capiranno i reali margini dei partiti sia sul modello elettorale sia sulle intese realizzabili. In vista dell’avvio delle grandi manovre dopo il 24 gennaio, Renzi è chia- rissimo sul suo punto di partenza: il ballottaggio che “è il modo per evitare inciuci, governissimi e lar- ghe intese che non servo- no al Paese” oppure il Mat- tarellum. E soprattutto una netta predilezione per un sistema maggioritario in antitesi con il proporziona- le preferito da FI: “Col mag- gioritario il Pd è il fulcro di un sistema simile alla de- mocrazia americana. Con il proporzionale torniamo a un sistema più simile alla democrazia cristiana”. In base alle deci- sioni della Corte Costituzionale, Renzi cer- cherà, spiegano fonti dem, intese sulla sua riforma elettorale “con chi ci sta”, evitando un Nazareno bis con un dialogo esclu- sivo con Berlusconi.

Ma far arrivare in porto la legge eletto- rale e andare alle urne al più presto, il Pd non avrà comunque “totem” come spiega Marcucci: il Mattarellum è un “punto di partenza” per trovare intese, “non ci ar- rocchiamo” rispetto ad alcun modello. Anche perché, a parte il Mattarellum, il Pd è diviso sul modello elettorale: se il segre- tario crede ancora nel ballottaggio e nel premio di maggioranza, Pier Luigi Bersani ha chiarito di essere favorevole ai collegi ma nettamente contrario ad un modello iper-maggioritario: “Un premio sì, ma sen- za esagerare”, è la posizione dell’ex leader. Se Renzi eviterà di insistere sulle elezioni a breve per non dare l’impressione di uno

scontro personale con Paolo Gentiloni, sarà il vertice dem a premere per evitare che la legislatura arrivi a scadenza natura- le. Il Cavaliere, intanto, dichiara di voler andare a votare presto e di fidarsi comun- que del capo dello Stato, Sergio Mattarel- la. “Bisognerà verificare anzitutto - affer- ma il leader azzurro - che la sentenza della Corte possa essere auto-applicativa. Ve- rosimilmente sarà comunque necessario un intervento legislativo. Non credo che Renzi, dopo il referendum, abbia interesse a fare altre mosse avventate. Ma in ogni caso il capo dello Stato è un garante al di sopra di ogni sospetto”.

Ed è sull’indebolimento del segretario dem dopo la sconfitta referendaria che il Cav punta per arrivare ad un sistema pro- porzionale che agevoli le coalizioni. Il lea- der azzurro vuole governare da solo, ma è consapevole che dei tre poli “molto simili per consistenza numerica, nessuno allo stato sembra in grado di governare” sen- za alleanze. Quindi, “se gli italiani non da- ranno più del 50% a un polo, sarà inevita- bile accordarsi”.

Un ritorno alle larghe intese che, a det- ta di Angelino Alfano, Renzi accetterà “se necessario”.

La logica del leader dem rispetto all’al- leanza con FI è “evitarla se possibile, farla

se necessario”, afferma il ministro degli Esteri il quale apprezza l’intervista “seria e onesta” dell’ex premier che “chiude il capitolo della rottamazione per la fase del- la ricostruzione”. Chi giura che assisterà alla finestra alle manovre sulla riforma elet- torale senza prendervi parte è M5S. “Il 24 gennaio la Consulta - sostiene Roberto Fico - presenterà le correzioni sull’Itali- cum e per noi si può andare a votare con la legge che uscirà dalla Consulta, appli- cata in modo uniforme. Poi, il prima possi- bile si dovrà andare al voto”.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA