Robin Hood alla rovescia? No



No, il quantitative easing di Draghi non è un 'Robin Hood alla rovescia' che toglie ai poveri per dare ai ricchi. Caso- mai toglie alla classe media per dare a tutti e due. E' la conclusione di un 'working paper', un documento di lavoro, della Banca d'Italia. Che non esprime una posizione ufficiale di Via Nazionale sull'acquisto massiccio di attività finanziarie, in particolare debito pubblico e i suoi effetti sulla distribuzione dei redditi. Ma di fatto va controcorrente rispetto a quanto sostiene buona parte della letteratura economica, e cioè che il 'Qe' di fatto gonfia i prezzi di borse e attività finanziarie, favorendo i ricchi, gli operatori di mercato, i grandi patrimoni, e lasciando ben poco a chi vive di poche migliaia di euro l'anno.

Il paper infatti rovescia una della critiche principali mosse alla politica monetaria iper-espansiva, quella che aumenti le diseguaglianze. "L'impatto sui redditi da lavoro prevale su quello trasmesso attraverso i rendimenti delle attività finanziarie", si legge nell'abstract dello studio. Non solo: secondo i quattro economisti autori dello studio, tutti italia- ni, "l'impatto di misure eccezionalmente espansive di politica monetaria sui principali indici di disuguaglianza è di entità molto contenuta".

Una conclusione in netta contrapposizione a buona parte della letteratura economica corrente, fra cui un recente studio di Standard & Poor's secondo cui il Qe "esaspera la diseguaglianza". Persino George Soros, uno dei finanzieri più in- fluenti del mondo, ha ammesso (a Davos a gennaio 2015, quando il Qe stava per partire) che l'acquisto di titoli "aumenta l'ineguaglianza fra ricchi e poveri e nel lungo termine potrebbe provocare anche rischi seri di reazione sociale". Ed è la stessa Bce a sostenere, per parola del membro dei direttorio Yves Mersch, che il Qe "sem- bra aumentare la diseguaglianza dei redditi, anche se è difficile da quantificare".

Sono tantissime le variabili in gioco, in effetti: il Qe serve a stimolare l'inflazione, e potrebbero volerci decine di volumi per dire chi soffrirebbe di più una deflazione. Bankitalia sembra focalizzarsi sul fatto che una delle prime vittime della deflazione, e quindi beneficiario del Qe, è il mercato del lavoro. Sopratutto "le fasce più deboli". Ma accade anche che se i meno abbienti benefi- ciano del Qe salvando il posto di lavoro e i ricchi si arricchiscono ancora di più, la classe media vede pochi benefici. L'effetto sulla ricchezza netta sembra infatti penalizzare la classe media: "Non è associato in modo crescente al patrimonio, ma segue un pro- filo a 'U'", si legge nello studio. L'aumento è in- fatti "più pronunciato per le famiglie più ricche, che detengono una quota maggiore delle attivi- tà finanziarie interessate dai guadagni in conto capitale, ma anche per quelle meno abbienti, che vedono ridursi l'onere del debito"


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA