Russi in piazza contro Putin



ARRESTATI IL BLOGGER ALEXEI NAVALNI E ALTRE CENTINAIA DI MANIFESTANTI

MOSCA. E’ finita come doveva finire. Ovvero con una sfilza di fermi da parte della polizia e accuse incrociate tra le autorità e gli uomini di Alexei Navalni. Che alla manifestazione “selvaggia” - ovvero non autorizzata da parte del Comune di Mosca - non è riuscito neppure a metterci piede poiché bloccato dalle forze dell’ordine sull’uscio di casa mezz’ora prima dell’ora X: ora rischia 30 giorni di arresto amministrativo. Il blogger, ormai ufficialmente nemico pubblico numero uno del Cremlino, alla vigilia dell’evento programmato a corso Sakharov (questa volta con l’ok delle autorità) ha infatti esortato i suoi sostenitori - in gran parte giovanissimi, quasi adolescenti - a convergere sulla centralissima Tverskaya, già teatro della poderosa manifestazione dello scorso 26 marzo, e a unirsi ai festeggiamenti organizzati per il giorno della Russia, che cadeva appunto ieri. Navalni, in un post sul suo sito, ha denunciato atti di “ostruzionismo” da parte delle autorità nei confronti delle ditte che avrebbero dovuto montare il palco e fornire assistenza all’evento. “Andare avanti in queste condizioni vorrebbe dire tradire noi stessi: siamo disponibili al compromesso ma non a essere umiliati”. E così via al piano B, lo scontro con le autorità. A corso Sakharov, ad ogni modo, si sono presentate circa duemila persone, compreso l’organizzatore materiale dell’evento, il direttore del Fondo anti-corruzione di Navalni, Roman Rubanov. “Quando sono arrivato ho visto che stavano parlando delle persone che non conosco: ho chiesto alla polizia di fermarli e sono stato arrestato”, ha scritto su Twitter Rubanov. Non il primo e nemmeno l’ultimo. I manifestanti, muniti di bandiere russe, una volta raggiunta la Tverskaya hanno iniziato a premere per essere ammessi ai festeggiamenti “ufficiali” (ovvero celebrazioni storiche in maschera). Gli “omon” - agenti in tenuta anti- sommossa - e i soldati della Guardia Nazionale sono allora entrati in azione. Per l’ong “Ovd Info” i fermi sono almeno 750 nella capitale e 900 a San Pietroburgo - ma il bilancio ufficiale del ministero dell’Interno è più modesto, per quanto in continuo aggiornamento. Le proteste si sono svolte in tutto il Paese, il più delle volte in modo pacifico e senza arresti. A Mosca invece vi sono stati momenti di alta tensione, soprattutto in piazza Pushkin, dove si è diffusa la notizia che la polizia aveva lanciato i lacrimogeni. In realtà pare che siano stati dei manifestanti a usare gli spray urticanti contro gli agenti. Uno è stato identificato e arrestato (e subito bollato dal braccio destro di Navalni, Leonid Volkov, come un “agente provocatore”). La polizia ad ogni modo non ha fatto sconti: vi sono casi documentati di pestaggi da parte degli agenti e su Twitter alcuni attivisti denunciano violenze nei commissariati. Molti oppositori di rango sono stati fermati: così Ilya Yashin, ex vice segretario di Parnas e amico di Boris Nemtsov, così Maria Baronova di Open Russia, l’organizzazione fondata dall’ex oligarca Mikhail Khodorkovsky. Per il Comune di Mosca alla manifestazione hanno preso parte “5mila persone” ed è stata una “provocazione da parte di gente non normale”. In tutto questo Vladimir Putin, al Cremlino, come da tradizione distribuiva i premi per i russi che si sono distinti nel corso dell’anno e consegnava i passaporti ai 14enni vincitori di concorsi, tornei o campioni negli studi. I bravi ragazzi, insomma.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA