Ryanair mette in crisi scali minor



Trapani l’aeroporto più penalizzato con tagli del 60 per cento. Previsti 200 mila passeggeri in meno, a rischio migliaia di posti

TRAPANI. Il caos Ryanair, legato alla cancellazione di migliaia di voli, rischia di avere ripercussioni disastrose soprattutto nei piccoli scali che hanno legato la loro sopravvivenza alla compagnia low cost irlandese. E' il caso di Trapani Birgi, l'aeroporto che in questi ultimi ha conosciuto un boom di passeggeri proprio grazie a Ryanair e che oggi è in asso- luto il più penalizzato dai "tagli" decisi da Dublino. "La situazione è drammatica: nel periodo novembre-marzo Ryanair ridurrà il traffico aereo nello scalo di Trapani del 60% rispetto allo scorso anno" dice il direttore dell'Airgest, società che gestisce lo scalo, Giancarlo Guerrera. In termini numerici, tra novembre e marzo, su Trapani transiteranno circa duecentomila passeggeri in meno. I voli che nel periodo saranno tagliati sono sette: 4 nazionali (Parma, Genova, Roma e Trieste) e 3 con città europee (Francoforte, Baden Baden e Cracovia). Una mazzata per l'economia turistica del Trapanese e per il suo indotto. "Purtroppo - spiega il direttore dell'Airgest - non abbiamo soluzioni al- ternative: negli aeroporti secondari, come Trapani, solo le compagnie low cost hanno interesse a operare". Ma non basta: ai problemi operativi della compagnia si aggiunge anche il mancato accordo di co-marketing. In pratica per convincere Ryanair a mantenere gli stessi livelli di traffico della passata stagione, i comuni del Trapanese dovranno versare alla compagnia 6 milioni di euro. "L'accordo non è ancora stato siglato - conferma Guerrera - e pertan- to Ryanair non ha alcun vincolo contrattuale". Una situazione che sta provocando numerose reazioni nel mondo politico. Fabrizio Bocchino (Sinistra Italiana) sottolinea che la crisi di Ryanair"rischia di costare il posto a migliaia di persone nell'indotto legato all'aeroporto di Birgi", tesi condivisa anche da Pamela Orrù del Pd mentre il senatore del M5s Maurizio Santangelo definisce la vicenda "un'ulteriore beffa per il territorio trapanese". Da parte sua Susanna Camusso, la numero uno della Cgil, da Palermo osserva che "quanto sta accadendo non è proprio una doccia fredda. Abbiamo denunciato da lungo tempo - spiega - ma tutti facevano finta di non vedere le condizioni di lavoro della compagnia aerea che hanno determinato la crisi di un modello tutto basato semplicemente sullo sfruttamento del lavoro e sul non riconoscimento contrattuale". Un altro duro attacco contro la compagnia irlandese che ha macinato utili record (1,3 miliardi su 6 di ricavi nell'ultimo anno contabile 2016-2017) viene anche da Londra dove la Civil Aviation Authority (Caa), l'Authority del trasporto aereo del Regno Unito, ha duramente ammonito Ryanair per la cancellazione dei voli affermando che sta violando la legge. Il responsabile Andrew Haines si è detto "furioso" per il comportamento del vettore low cost perchè non sta fornendo adeguate informazioni ai propri passeggeri. E di fronte alla minaccia di un'azione legale, un por- tavoce di Ryanair si è affrettato ad annunciare un incontro coi vertici della Caa.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA