SantoDomingo: dispersi due sub italiani

Amici del cuore e esperti sommozzatori: ricerche disperate




GENOVA. Mistero sulla scomparsa di due sommozzatori spezzini in una grotta del Dudù Lagoon a Santo Domingo. Dei due si sono perse le tracce sabato scorso e da allora sono in corso le ricerche da parte di un gruppo di esperti speleosommozzatori del luogo. I due appassionati di subacquea sono Carlo Basso, di 43 anni, e Carlo Barbieri, di 56 anni, entrambi con radici a Levanto (La Spezia). Secondo le prime, frammentarie informazioni i due si sono immersi nel lago El Dudu, nella provincia di Maria Trinidad Sanchez nella Repubblica Domincana, un'area protetta con un ambiente subacqueo ricco di grotte e cunicoli che collegano due specchi d'acqua e arrivano fino a 100 metri di profondità. Basso e Barbieri, amici da anni, stavano trascorrendo un periodo di vacanza insieme. Basso, nato a Venezia e residente a Lavagna (Genova), ha lavorato come istruttore subacqueo a Levanto, dove vivono due figli. Barbieri, originario di Levanto, vive a Santo Domingo e ha tre figli. Secondo quanto si legge sulla pagina Fb di Dudù Lagoon, le ricerche dei due sommozzatori spezzini sono affidate da lunedì a due esperti subacquei 'di grotta' della Dominican Republic Speleological society (Drs) i quali avrebbero sottolineato che la grotta nella quale si sarebbero introdotti Carlo Basso e Carlo Barbieri è estremamente pericolosa e al suo ingresso vi sarebbe un cartello che avverte del pericolo: la grotta ha tra l'altro una estensione di 800 metri a una profondità di 27 metri. Sempre secondo quanto si legge nel post, i due subacquei italiani non avrebbero avuto la certificazione di immersione in grotta e avrebbero comunque ignorato il cartello all'ingresso della grotta, piuttosto esplicito: oltre a avvertire della pericolosità della zona si specifica anche "il dovuto allenamento che deve possedere chi passa i limiti di sicurezza". La foto del cartello è stata inserita a corredo del post: accanto alla icona classica della Morte con mantello, cappuccio e falce in mano, sul cartello è scritto 'Prevent your death - go no farther'. Phillip Lehman e Angel Comprès, i due speleo-sommozzatori della Drs che stanno cercando i due sommozzatori italiani per la mancanza di visibilità provocata dalla rimozione del sedimento del lago e all'ambiente particolarmente stretto dove dovrebbero trovarsi i due avrebbero dovuto dovuto rimandare le ricerche a oggi. "Grazie a tutti per la vostra solidarietà e preghiere per le famiglie di questi due subacquei - dice l'ultimo post della pagina social di Logoon Dudu - Rimaniamo in comunicazione".

ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA