Se il parroco non ha carisma

I SACERDOTI SPESSO NON ISPIRANO I FEDELI A PARTECIPARE ALLE MESSE

di Dom Serafini



A Natale è una tradizione per me e mia moglie andare alla Messa di mezzogiorno a New York City. Seguiamo St. Jean Baptiste, per la St. Francis de Sales, una chiesa piccola e malmes- sa, molto più lontana dal nostro ap- partamento, solamente per la presenza di un parroco italiano di grande carisma, che rendeva la funzione religiosa deprimente e malmessa. Per incoraggiare i nostri ragazzi ad andare in chiesa, siamo allora tornati alla piú luminosa Santa Monica, dove nel frattempo era arrivato un parroco americano di origini abruzzesi dinamico e stimolante (era robusto e celebrava le Messe di Natale col cappello di Santa Claus). Da tempo anche que- sto parroco è stato trasferito e preve- dibilmente la chiesa si è nuovamente svuotata di fedeli, in particolare quelli la massima di un parroco abruzzese che anni fa ha postato sul porto- ne della sua chiesa: “Fedeli: Quando siete nati i vostri genitori vi hanno portato in Chiesa. Quan- do vi siete sposati, la sposa vi ha aspettato in Chiesa. Quando morirete qualcuno vi porterà in Chiesa. Qualche vol- ta veniteci da soli!”

Da alcuni anni i no- stri figli invece non sono più interessati ad anda- re a Messa nemmeno durante le feste coman- date ed il motivo è com- prensibile: si annoiano e pensano di non otte- nere un ROI (Return on Investment, detto con un termine moderno) per il tempo messo a di- sposizione.

Posso capire il loro punto di vista. Quest’anno, l’orario della messa di Natale presso la bellissima Chiesa di St. Jean Baptiste a Manhattan era indicato sul loro sito per le 12:15, quando in realtà si è svolta alle 11:00. La Chiesa non aveva aggiornato il sito, quindi arrivati in anti- cipo per la presunta Messa delle12:15, siamo stati in grado di ascoltarne so- lamente la parte finale. Senza scorag- giarci, abbiamo velocemente camminato fino alla egualmente bella Chiesa di Santa Monica, dove la Messa era iniziata alle 12:00.

In pratica, tra la parte finale della messa delle 11:00 e quella iniziale delle 12:00, abbiamo rispettato la nostra tradizione. Ma in entrambe le chiese abbiamo trovato parroci noiosi, che non ispirano i fedeli in costante dimi- nuzione. Ed infatti le due chiese era- no mezze vuote, nonostante le Messe fossero quelle principali.

Anni fa, avevamo lasciato le due opulente chiese di Santa Monica e giosa interessante, stimolante e addirittura divertente, sia per gli adulti che i ragazzi (aveva l’abitudine di conclu- dere ogni Messa con una barzelletta). Il parroco, originario del Veneto, è rientrato poi in Italia e la chiesa è tornata ad essere quella di prima: grigia,giovani. A pensarci bene, Gesù era uno showman: aveva cura di intrattenere i suoi seguaci, non aveva timore di compiere azioni eclatanti (come la cacciata dei mercanti dal Tempio) e coi suoi miracoli poteva far invidia ai mi- gliori effetti speciali di Hollywood (tipo la moltiplicazione dei pani e dei pesci e la camminata sull’acqua).

Scherzi a parte, seppur gli effetti speciali non siano ovviamente neces- sari ai parroci di oggi, è purtroppo vero che molti di loro tendono ad es- sere grigi, monotoni e prevedibili, sen- za entusiasmo e senza un briciolo di quel carisma che ha invece caratteriz- zato il Gesù uomo, maestro ed ispiratore.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA