Sicilia, pestato senegalese



IL RAGAZZO, 19 ANNI, ASSALITO MENTRE LAVORAVA IN UN BAR DI PARTINICO

PALERMO. Erano in sette contro uno. Prima gli hanno tirato con violenza le orecchie, dicendogli: “Vattene via sporco negro”. Poi mentre uno del gruppo lo teneva fermo gli altri lo prendevano a calci e pugni. Vittima dell’aggressione è un senegalese di 19 anni, richiedente asilo. L’episodio dai toni razzisti è avvenuto a Partinico, mentre il giovane lavorava servendo ai tavoli in un bar in piazza Santa Caterina. Questa volta si è trattato “solo” di un pestaggio, ma è l’ennesimo caso di intolleranza e violenza contro un migrante che si verifica negli ultimi mesi. Ancora “aspettiamo da Salvini una parola netta di condanna contro chi spara sugli immigrati”, dice il governatore della Toscana Enrico Rossi (Leu), facendo riferimento al “ripetersi sempre più frequente” di simili episodi. E in serata il ministro dell’Interno replica con una secca dichiarazione: “L’allarme‘ razzismo’ è una invenzione della sinistra, gli italiani sono persone perbene ma la loro pazienza è quasi finita. Io, da ministro, lavoro da 58 giorni per riportare sicurezza e serenità nelle nostre città”. Il senegalese pestato a Partinico da due anni è ospite in una comunità. Dopo la violenza subita ha presentato una denuncia ai carabinieri. E’ stato medicato per le ferite al labbro e alle orecchie guaribili in sette giorni. “Non ho reagito perché non alzo le mani - ha raccontato -. Mi potevo difendere, ma gli educatori della comunità mi hanno insegnato che non si fa”. Indagini sono in corso per risalire agli aggressori. Tra metà giugno ed oggi sono almeno otto i casi (con nove feriti) di stranieri che sono stati fatti bersaglio di colpi di armi ad aria compressa senza un apparente motivo. Ad essi va aggiunta anche la tragedia di Sacko Soumalya, il giovane del Mali ucciso a Vibo Valentia il 3 giugno mentre stava prendendo da una fabbrica abbandonata del materiale per costruirsi una baracca. L’allarme per questi episodi ha indotto a una presa di posizione anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella che tre giorni fa, dopo il caso della bimba nomade ferita a Roma da un uomo che le ha sparato del balcone, ha messo in guardia contro la deriva da Far West che sta correndo il Paese. Gli ultimi due episodi sono di giovedì: nel vicentino un operaio di Capoverde è stato centrato da pallini sparati da un terrazzo, mentre a San Cipriano d’Aversa (Caserta) un migrante della Guinea richiedente asilo e ospite di un centro di accoglienza, è stato colpito in pieno volto con una pistola ad aria compressa. Sempre a Caserta, l’11 giugno, si era verificato il primo caso di questa serie, ma quattro mesi prima, nelle Marche, c’era stato il raid di Traini. L’aggressione al cameriere a Partinico ha scatenato una serie di reazioni. “Fa paura leggere la frequenza con cui aumentano episodi di razzismo”, afferma lo scrittoreAntonio Modaffari. “Era inevitabile che prima o poi accadesse, anche da noi. Il clima di odio declinato in tutte le sue forme ha cominciato a fare capolino anche qui”, afferma Valentina Speciale, segretaria Prc di Partinico. Prese di posizione anche sul web, ospitate soprattutto dal profilo Partinico e-news di Facebook. C’è chi afferma che “l’inciviltà e l’ignoranza di questo paese sta rasentando i limiti della decenza e della civile convivenza, è ora di agire e tornare ad educare”; chi sottolinea che “la democrazia si perde poco per volta” e chi aggiunge che “la xenofobia va combattuta, questo è il risultato di tutte le chiacchiere che si sentono sul conto degli extra comunitari e della loro presunta paga giornaliera”. Un’altra utente esorta a fermare “gli slogan pieni d’odio razzista”, ma non mancano le prese di posizione in controtendenza. “Il ragazzo di colore va difeso? E a me che un mese fa mi hanno puntato il coltello e fregato il telefono: hi mi ha difeso? Se ne devono andare tutti a casa”, scrive Filippo.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA