Spalletti pensa in grande



INTER/IL NEOALLENATORE SI SBILANCIA: “SONO QUI PER FARE QUALCOSA DI IMPORTANTE”

CATANZARO. "Con l'Inter voglio fare qualcosa di importante. Abbiamo nella rosa giocatori forti che mi piacciono". Lo ha detto Luciano Spalletti parlando con i giornalisti a Catanzaro, dove ha ricevuto il "Premio Nicola Ceravolo". "Dovremo attenerci - ha aggiunto - alle regole del fair play finanziario. Quindi faremo qualche movimento in uscita e poi tenteremo di mettere mano per migliorare qualcosa". Tra i prossimi nerazzurri potrebbe esserci il centrocampista della Fiorentina Borja Valero: "È un calciatore - ha detto Spalletti - che forse cambierà squadra. Per il momento noi siamo a posto in quel reparto. Ma lui è un giocatore di sicuro affidamento e di grande qualità". "Rudiger? In difesa faremo sicuramente qualcosa - aggiunge Spalletti - lui è un grandissimo come Manolas, ha fatto vedere quanto vale ma dire il nome di chi andremo a prendere mi sembra prematuro e scorretto". Spalletti conferma che l'Inter dovrà prima cedere qualche giocatore "perchè c'è un regolamento", solo in seguito il club nerazzurro interverrà per "migliorare la rosa e sostituire chi partirà". Sugli obiettivi dell'Inter Spalletti ha espresso cautela ."Juventus, Roma e Napoli - ha detto - sembrano impossibili da raggiungere. Ottenere dieci vittorie in più rispetto all'anno scorso non sarà facile per noi, ma il nostro obiettivo è ridare all'Inter il posto che merita". Poi il tecnico dell'Inter commenta il 'caso Donnarumma': "Per uno come Donnarumma sono pronti tutti i club, è un predestinato. Ma ci sono anche altri grandi portieri ed uno di questi è sicuramente Handanovic". "Diventa difficile entrare a giudicare quale sia il comportamento di giocatore, procuratore e club. Tutti si stanno comportando entro certe regole e credo troveranno la soluzione migliore per tutti. Il ragazzo ha fatto vedere di essere una persona matura - prosegue Spalletti -. Secondo me necessita di ulteriore tempo, e quello che sta venendo fuori fa capire che possano esserci dei ripensamenti". "Il 'Premio Ceravolo' - ha concluso l'allenatore dell'Inter - è un riconoscimento bellissimo per il personaggio che era Nicola Ceravolo e per l'Albo d'oro di questa manifestazione. Per me è un onore".


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA