• Redazione

Strage di agenti a Baton Rouge


LOUISIANA/TRE POLIZIOTTI UCCISI E TRE GRAVEMENTE FERITI, IL KILLER HA AGITO DA SOLO


NEW YORK. Nuova strage di poliziotti in America. Stavolta a Baton Rouge, la città della Louisiana teatro poco più di dieci giorni fa dell’uccisione dell’afroamerica- no Alton Sterling da parte di un agente. Tre agenti sono stati uccisi e altri tre sono stati feriti.

La morte di Sterling e quella di Phlando Castile in Minnesota hanno riac- ceso le tensioni razziali, spingendo in piazza per giorni centinaia di persone e alimentando la folle rabbia del killer di Dallas, Micah Johnson, che con i suoi colpi ha ucciso cinque agenti.

A Baton Rouge la violenza è esplosa di nuovo contro la polizia: il sindaco della città Kip Holden ha descritto l’attacco come una vera e propria “imboscata”.

All’inizio si pensava che i killer fossero tre, ma poi le autorità hanno fat- to sapere che l’uomo, uc- ciso dal fuoco di risposta degli agenti, ha agito da solo. E’ poi stato identifi- cato come Gavin Eugene Long, afroamericano, 29 anni, di Kansas City, in Missouri. era affiliato ad un gruppo antigovernativo chiamato New Free- dom Group. Secondo il racconto di alcuni testi- moni era vestito di nero,

col volto coperto. E, questo è certo, ave- va un fucile d’assalto. In una dichiara- zione diffusa in diretta tv, il presidente Barack Obama ha alcune ore dopo affer- mato che “attacchi alla polizia sono at- tacchi a tutti noi”.

Sottolineando che “niente giustifica la violenza contro le forze dell’ordine”, Obama ha quindi garantito che “giusti- zia sarà fatta” e ha tuonato: “dobbiamo mettere fine a questa violenza senza senso”.

L’attacco è avvenuto intorno alle 8.40 del mattino locali, a poco più di un chilometro dalla centrale della polizia. I colpi sparati sarebbero stati almeno 30,

e non hanno lasciato scampo ai tre agen- ti, uno dei quali era nero.

L’agguato ha fatto salire l’allerta fra la polizia in tutti gli Stati Uniti. Il New York Police Department ha rafforzato l’in- dicazione agli agenti a muoversi in coppia e a fare attenzione a chi si avvicina. A Cleveland, dove si apre nelle prossi- me ore la convention repubblicana, la sicurezza è stata rafforzata.

“Siamo pronti”, ha assicurato l’agen- te del Secret Service a cui fa capo la sicurezza dello show della destra america- na. Donald Trump intanto non si è la- sciato sfuggire l’occasione per attacca- re: “Quanti agenti devono morire per

mancanza di leadership? Chiediamo ordine”, ha twittato il tycoon.

Anche Hillary Clinton è intervenuta, usando parole molto simili a quelle di Obama.

“Non c’è giustificazione - ha affermato - per la violenza, l’odio, per gli at- tacchi a coloro che mettono le loro vite in prima linea a servizio della comunità”.

Gli spari di Baton Rouge arrivano po- chi giorni dopo le commemorazioni a Dal- las per la strage dei cinque agenti, a cui Obama ha partecipato insieme all’ex presidente George W. Bush per inviare un segnale di unità al paese. E dopo i primi incontri organizzati alla Casa Bianca fra gli attivisti, inclusi ‘Black Lives Matter’, e le forze di polizia nel tentativo di in- staurare un dialogo e stemperare le ten- sioni. Eppure proprio a Dallas Obama ha ammesso che la ferita razziale, per l’Ame- rica, è tutt’altro che chiusa.

L’Fbi intanto sta collaborando con la polizia di Baton Rouge nelle indagini, durante le quali sono stati coinvolti an- che robot per verificare l’eventuale pre- senza di esplosivi nei luoghi della sparatoria.

Il governatore della Louisiana, John Edwards, ha parlato di un “attacco in- giustificato” e ha visitato gli agenti feri- ti in ospedale.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA