Trieste fra destra e sinistra



SI “SFIORANO” LE MANIFESTAZIONI DI CASAPOUND E DELLA RETE ANTIFASCISTA

TRIESTE. C’è stato un momento, nel pomeriggio, in cui il corteo di CasaPound e quello organizzato dalla rete antifascista si sono sfiorati nel centro di Trieste, senza però incontrarsi. La città è rimasta blindata da ieri mattina. Transenne, reti metalliche, mezzi delle forze dell’ordine e idranti hanno bloccato per ore il passaggio in alcune vie centrali e lungo il percorso dei due cortei per scongiurare che le due fazioni venissero a contatto. Diversi negozi sono rimasti chiusi, come la città, in un giorno di festa, quello del patrono di San Giusto.Alle finestre una “guerra” di striscioni, a favore di una o dell’altra manifestazione. Da una parte i militanti e simpatizzanti di CasaPound, giunti da tutta Italia in “5 mila” - secondo gli organizzatori - per celebrare la fine dellaGrandeGuerraelavittoriadell’Italia.Dall’altra una contro manifestazione - “siamo in 7 mila” - promossa dalla rete antifascista, antirazzista e antisessista di Trieste per dire no all’iniziativa di CasaPound. Una città divisa da due cortei e segnata da settimane di polemiche, cominciate subito dopo l’annuncio dell’iniziativa dell’estrema destra. “Si è parlato di fascismo e di razzismo, di militarizzare la città, ma questa è una commemorazione”, ha precisato il segretario nazionale di CasaPound, Simone Di Stefano, rimasto per tutto il tempo alla testa del corteo. Una sfilata di bandiere e fumogeni silenziosa, accompagnata solo dalla musica degli altoparlanti e interrotta da qualche applauso dei passanti, fino alla meta, dove è stata celebrata una cerimonia per l’unità delle terre italiane. Scandita da slogan e musiche, invece, la manifestazione, partita da campo San Giacomo, con in testa lo striscione “Liberiamoci dai fascisti” e promossa da Cgil e Anpi.Ad animarla c’erano associazioni, sindacati, studenti, famiglie, esponenti politici di Pd, Pci e LeU, come Debora Serracchiani: è una manifestazione “fondamentale” per l’unità della sinistra, ha detto. “È una giornata straordinaria, siamo popolo, giovani, meno giovani, vecchi, siamo tutti d’accordo, uniti e unite, nelle nostre diversità nei valori dell’antifascimo”, ha osservato Lidia Menapace, staffetta partigiana, politica e attivista, concludendo dal palco. Un breve momento di tensione si è registrato quando un gruppo isolato si è sganciato dai militanti di Potere al popolo raggiungendo gli esponenti del Pd chiedendo loro di non partecipare al corteo. Un episodio che si è concluso in fretta ma con un contuso lieve. Concluso il corteo, gli antifascisti sono tornati al punto di partenza, dando vita a balli e musica a oltranza per ribadire “pace, costituzione e resistenza”. A qualche chilometro di distanza, il corteo di Casapound si era già sciolto. Plauso del procuratore Capo di Trieste, Carlo Mastelloni, per il lavoro svolto dalle forze dell’ordine.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA