Un doppio testa-coda

SERIE A/Nella sesta giornata prime contro ultime. Napoli, Roma e Lazio cercano il riscatto. Il Milan invece rischia



ROMA. Un doppio testa-coda. Alla vigilia del secondo round Champions un pronostico sulla carta benigno viene incontro a Inter e Juve che trovano sulla propria strada le provvisorie cenerentole della Serie A, Sampdoria e Spal. Sarri sta dosando gli sforzi col turnover ma gli infortuni e la competitività degli avversari disegnano sempre test arcigni. La Spal ha un buon potenziale che si esprime a intermittenza, ma il pronostico sembra segnato. Più arduo catalogare come scontato il sesto successo di fila dell'Inter di Conte, che si giova di un Handanovic sontuoso e della migliore difesa d'Europa. Ma la Samp di Di Francesco ha dato segni di ripresa e recupera Quagliarella per cui per i nerazzurri sarà dura, anche perché sarà difficile non pensare alla super sfida col Barça. "E' una gara in cui noi abbiamo tantissimo da perdere", avverte infatti Conte. Ma i test più attesi sono quelli per verificare la reazione dei club usciti peggio dal turno infrasettimanale. Il Napoli ospita il Brescia di Balotelli e Tonali che gioca bene e si è subito ambientato nella serie maggiore. Ancelotti non condivide le cri- tiche dopo il ko un po' sfortunato col Cagliari, ma il nervosismo e l'assenza di Koulibaly inducono alla cautela. La Roma di Fonseca ha mostrato pregi e difetti ma si è arresa a un'Atalanta più compatta. I giallorossi hanno ora un'insidiosa trasferta con la neopromossa-sprint Lecce, che ha vinto a sorpresa le sue ultime due gare in trasferta. Per Ancelotti e Fonseca sarebbe però indigeribile un secondo stop. Ancora peggio sta il Milan che, dopo la rimonta del Toro, ha subito la terza sconfitta in cinque gare. Si aggrava la posizione di Giampaolo che non riesce a rendere la squadra competitiva. Diventa molto delicata, nonostante il club abbia confermato la fiducia al tecnico, la gara interna con la rigenerata Fiorentina che, spinta da Ribery e Chiesa, sta risalendo la china. Dopo il tracollo di Praga l'Atalanta ha ricominciato a volare. Gasperini ha recuperato la gara coi viola e ha data una le- zione alla Roma. Ora il pensiero corre allo Shakhtar ma prima c'è una trasferta non agevole contro il Sassuolo di Berardi che ha perso su autogol a Parma, ma che ha ricevuto consensi per il suo gioco interessante. Appena un punto sotto, al quarto posto, si trova il Toro di Mazzarri che dopo due ko ha rimontato il Milan con una doppietta di Belotti e ora affronterà il Parma di Gervinho. L'altra delusa del turno infrasettimanale, la Lazio, ko con l'Inter, ha subito la possibilità di ripartire ricevendo il Genoa di Schone che è in un momento un po' difficile dopo alcune prove convincenti. Tornerà dall'inizio Immobile, che Inzaghi ha utilizzato parzialmente nelle ultime gare. Due delle squadre più interessanti del primo spicchio di stagione hanno la possibilità di continuare a salire. Il Cagliari di Maran, cecchino del Napoli e che ha metabolizzato le assenze pesanti di Pavoletti e Nainggolan, riceve il Verona e ha la possibilità di portarsi a 12 punti, in piena zona Champions. Il Bologna di Mihajlovic, che ha sprecato a Genova un rigore per la sufficienza di Sansone, gioca in casa di un'Udinese in piena crisi. Un altro ko potrebbe avere pesanti conseguenze per Tudor.

ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA