Un «giglio» da 40mila posti



CALCIO/PRESENTATO IL PROGETTO DELL’IMPIANTO PER LO STADIO DELLA FIORENTINA

FIRENZE. Sarà un immenso fiore hi-tech, quasi ad evocare il giglio simbolo di Firenze, in grado di ospitare 40mila persone, con spalti a sette metri dal campo, wi fi, 700 posti auto con 100 punti ricarica per mezzi elettrici, 1000 spazi custoditi per le bici e tecnologie fotovoltaiche con ben 3000 pannelli. La prima pietra dovrebbe esser posta nella seconda metà del 2019, per i lavori serviranno 24 mesi. Questi i numeri del progetto definitivo, presentato dalla Fiorentina in Palazzo Vecchio, per il nuovo stadio del capoluogo toscano, che dovrebbe sorgere nel quartiere di Novoli, alla periferia nord della città. Il piano di riqualificazione urbana messo nero su bianco dalla società viola, con un costo complessivo di 420 milioni di euro per una superficie totale di 48 ettari, riguarda non solo la realizzazione dell'impianto sportivo (che avrà come 'allegato’ anche un centro sportivo, il museo della Fiorentina, ristorante panoramico e circa 7000 metri quadrati di spazi da dedicare ad eventi) ma prevede anche la costruzione di un centro commerciale da 77mila mq, un hotel con circa 200 camere, un parcheggio esterno con scambio per la tramvia. Non meno del 30% dell'intera area d'intervento verrà dedicate al verde. "Il nuovo stadio non sarà una cattedrale nel deserto", assicura il sindaco Dario Nardella, convinto anche che la realizzazione del progetto porterà "3-4000 posti di lavoro in città". Andrea Della Valle, il patron viola che spiega di stare cercando "partner finanziari per il progetto", vede la giornata di oggi come "un momento storico: mi piacerebbe chiamare tutto questo Rinascimento viola", propone. Alla presentazione ha preso parte anche il ministro per lo sport Luca Lotti, che si è detto "felice che anche Firenze avrà il nuovo stadio, bello e funzionale, come merita una delle città più straordinarie al mondo". Per arrivare alla prima pietra, nel 2019, occorre però risolvere il rebus dello spostamento del mercato ortofrutticolo, che occupa a Novoli un'area impegnata dal progetto della Fiorentina. Il Comune sta elaborando una variante urbanistica per trasferire il mercato nella vicina area di Castello, che dovrebbe essere approvata in Consiglio nel giro di una decina di mesi. E quanto all'ipotesi di rischi connessi alla vicinanza con l'aeroporto, del quale è previsto il potenziamento con una nuova pista, Nardella ha assicurato che "il progetto del nuovo stadio è assolutamente compatibile".


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA