Una giornata con i figli



MILANO. Ieri è arrivata anche la figlia Eleonora, la secondogenita nata dal matrimonio con Verona Lario, a trovare Silvio Berlusconi, ricoverato da martedì scorso per un’insufficienza aortica grave. Eleonora, 30 anni, in attesa di un bambino e spesso all’estero, era l’unica dei 5 figli a non aver avuto ancora modo di correre accanto al padre. Ieri ha trascorso quasi l’intera giornata con lui.

A meno di 36 ore dall’intervento chirurgico di sostituzione della valvola aortica, Silvio Berlusconi continua a sentirsi tranquillo e sereno, come ripetono tutti quelli che lo hanno visto o sentito. “Mi ha chiamato ieri sera per tranquillizzarci tutti - ha raccontato il candidato sindaco del centrodestra a Milano, Stefano Parisi - Respira con un po’ di fatica ma ha una voce ottima”.

“Sta bene, sta benissimo”, ha detto il figlio Luigi, lasciando verso le 16 il San Raffaele, dove era arrivato in tarda mattinata insieme ad Eleonora e precedendo di poco Marina. “Sì, ha anche passato bene la notte”, ha aggiunto prima di infilarsi in macchina insieme alla fidanzata.

Verso sera è poi arrivata anche Barbara, con i due figli. In mano un disegno dei nipotini con alberi e montagne da portare al nonno.

Giornata di riposo comunque in vista dell’operazione fissata, salvo cambiamen- ti dell’ultimo momento, per martedì mattina. Oltre ai figli (non si è visto solo Piersilvio) l’ex premier non ha avuto altre visite. Niente lavoro quindi, ma ore dedicate al riposo e alla riflessione.

Forse anche alla preghiera. Il San Raffaele ha anche un corposo servizio di assistenza religiosa, con 5 chiesette nelle varie unità operative di degenza e diversi cappellani a disposizione dei malati. Ma il riserbo attorno al paziente Berlusconi, è massimo anche in questo senso. “Assoluta privacy, non rispondo a nulla”, ha detto uno di loro, Don Ivo, dopo aver celebrato la messa delle 16. Pausa ieri anche per le schermaglie politiche, mentre hanno voluto far sentire la loro voce i fans di Berlusconi. In mattinata un gruppetto di militanti ha srotolato davanti al San Raffaele uno striscione con la scritta ‘Forza presidente, FI giovani è con te’ e verso sera hanno portato il loro (‘Presidente non mollare’) anche i tifosi rossoneri capitanati dal leader della curva sud Giancarlo Capelli, detto ‘Il Barone’. “Lo aspettiamo presto nel nostro Milan - ha detto -. Abbiamo bisogno di lui e speriamo nella sua pronta guarigione”. Poi sono arrivati altri sostenitori a consegnare al personale all’ingresso dell’ospedale e agli uomini di scorta dell’ex premier, biglietti di auguri, mazzi di fiori, persino libri religiosi. “Mi raccomando, prendete e conservate tutto - ha detto sabato l’ex premier, 80 anni a settembre, secondo quanto riferito dal suo medico personale Alberto Zangrillo - dopo voglio mandare un messaggio di ringraziamento a tutti, uno per uno”.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA