Uzbeko il killer di Stoccolma



TERRORISMO/ARRESTATO VENERDÌ, LA POLIZIA È CERTA DELLA SUA COLPEVOLEZZA

STOCCOLMA. Terrore, sgomento, incredulità: sono i sentimenti che prevalgono a Stoccolma, all'indomani della strage in centro dove un camion è piombato sulla folla uccidendo quattro persone. Altre 10 sono ferite e ancora ricoverate in ospedale, quat- tro sono in condizioni gravi. Il sospettato numero uno è un uzbeko di 39 anni, l'uomo arrestato venerdì a nord di Stoccolma. La polizia è certa che sia lui il killer: "Nulla indica che sia la persona sbagliata", e non esclude che possa aver avuto dei complici, "al momento non possiamo ancora escludere che altri siano coinvolti". A bordo del camion è spuntato poi quello che appare un ordigno artigianale, probabilmente carico di liquido infiammabile che non si è innescato. Nel pomeriggio l'antiterrorismo ha effettuato un blitz a sud di Stoccolma: tre le persone finite in manette. Secondo i me- dia "sono collegate" al 39enne uzbeko, ma mancano conferme ufficiali. I tre si trova- vano "a bordo di un'auto bianca", e "sonocollegate al sospetto". Un altro blitz si se- gnala in quello che viene considerato il 'covo' del presunto killer. La polizia, che punta da venerdì ufficialmente sulla pista del terrorismo, non manca di sottolineare le similitudini tra l'attacco di Stoccolma e quello di Londra. Manca ancora una ri- vendicazione ufficiale, ma questo potrebbe essere collegato come in altri casi al- l'esistenza di una vera e propria cellula dormiente che le formazioni jihadiste vogliono tenere ancora sottotraccia. Nel Paese prevale il cordoglio e la paura, il governo ha annunciato di aver rafforzato i controlli al confine. Il re Carlo XVI Gustavo, rientrato in fretta e furia dal Brasile, si è rivolto alla nazione con un messaggio televisivo. "Siamo scossi da quanto è successo. Quelli che vogliono aiutare sono di più di quelli che vogliono colpirci", ha detto, esprimendo il cordoglio ai familiari delle vittime ringraziando poi le forze dell'ordine e quelle dei soccorsi, "hanno fatto un gran lavoro per limitare i danni". A Stoccolma, per tutta la giornata a centinaia si sono recati sul luogo del massacro, portando fiori, mentre pian piano la situazione tornava alla normalità, con il ripristino delle linee della metropolitana e quelle ferroviarie. Sui media però infuriano le polemiche: si punta l'indice contro i servizi di sicurezza, che hanno rinvenuto il potenziale ordigno - nascosto in una valigetta - solo 24 ore dopo l'attacco, e soprattutto dopo aver consentito l’altro ieri sera al premier Stefan Lofven di recarsi sul luogo dell'attentato quando la minaccia non era stata ancora sventata. Il capo dell'intelligence Anders Thornberg ha poi rivelato che il sospetto "non era sotto indagine" ma che "era finito sotto i radar" e infine catalogato come "figura marginale". Eppure, ha rivelato l'Aftonbladet, l'uomo aveva postato materiale di propaganda dell'Isis su Facebook, e apprezzato una foto 'celebrativa' dell'attentato alla maratona di Boston del 2013.


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA