• Redazione

Valanga rossonera


Playoff di Europa League/Tutto troppo facile per il Milan contro lo Shkendija


MILANO. Spettacolo, pioggia di gol ed entusiasmo a mille a San Siro per lo scintillante Milan di Vincenzo Montella che si prepara nel modo migliore all’esordio in campionato contro il Crotone. Appuntamento al quale si presenta con la qualificazione alla fase ai gironi di Europa League praticamente in tasca.

Di fronte a 40mila spettatori, con 14mila biglietti staccati solo nella giornata di ieri, il Milan colpisce senza pietà il non irresistibile Shkendija, travolgendolo con 6 reti. Uno show a cui si iscrivono per due volte André Silva (primi gol ufficiali per lui) e Montolivo (a segno dopo 1222 giorni), con il sostegno di Antonelli e Borini.

Flebile la resistenza dei macedoni: capitolano dopo 13' e non si rimettono più in carreggiata, scossi per via di un San Siro che regala emozioni e trasmette una carica incredibile.Aspettando l’ok della Fiorentina per il trasferimento di Kalinic, il Milan scopre di avere in casa un talento come André Silva: due gol, un palo e la sensazione di essere un attaccante pronto ad esplodere.

Il pollice in alto di Marco Fassone, che festeggia al meglio il suo 53esimo compleanno, dalla tribuna rivolto al portoghese è una bella iniziazione di fiducia per un attaccante che, dice Montella, “ha solo bisogno di tempo per adattarsi. Sinceramente non ci aspetavamo di vincere così largamente, certo - ha aggiunto il tecnico rossonero parlando del match - ci sono differenze di qualità e siamo riusciti a metterle in campo”.

“Non sottovaluteremo la partita di ritorno - conclude il tecnico rossonero -, sarà una partita che prenderemo seriamente come sempre bisogna fare in Europa. Sara una opportunità per crescere, certo questo risultato mi darà la possibilità di poter scegliere tra più giocatori da mettere in campo. Sono molto contento della squadra che sta nascendo, l’inizio è promettente ed è gratificante l’entusiasmo dei tifosi’’.

Ma il Milan non è solo Silva. I rossoneri riscoprono Montolivo nella giornata in cui Bonucci gli toglie per la prima volta dal braccio a San Siro la fascia di capitano.

Unica nota storta in una serata pressoché perfetta l’infortunio di Bonaventura, uscito al 90', per un problema alla coscia destra. Se ne saprà di più oggi dopo gli esami clinici. Ora Montella chiede ai suoi di replicare questa sinfonia domenica sera a Crotone. In campionato, per le am


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA