Valanga uccide tre alpinisti


LA TRAGEDIA IN VAL DI SUSA, AL CONFINE CON LA FRANCIA. ERANO TUTTI ESPERTI



TORINO. La montagna l’amavano tanto, e la conoscevano molto bene. Non solo le vette di casa, dove sono morti travolti da una valanga a 3.000 metri in un pomeriggio con neve abbondante, vento e le avvisaglie che la primavera non è più tanto lontana. Nei profili Facebook delle tre giovani vittime in Valle di Susa, Margherita Beria d’Argentina, 24 anni, il fidanzato Antonio Lovato Dassetto, 27, e la guida alpina che li accompagnava, Adriano Trombetta, 37 anni, ci sono tante foto di cime, innevate e no, paesaggi alpini, cascate di ghiaccio, ma anche scenari mozzafiato di altre terre. Come Humahuaca, il picco dei 14 colori inArgentina, tra gli ultimi post della guida. Margherita, maestra di sci, era figlia del sindaco di Sauze di Cesana, nelle valli ribattezzate “olimpiche” dal tempo dei Giochi Invernali di Torino 2006. Era partita con il fidanzatoAntonio, guidati da Cesana Torinese Adriano Trombetta sulle nevi dello Chaberton, tra l’Italia e la Francia. Una giornata con il rischio “marcato” di valanghe nelle ore centrali, cioè di grado 3 sulla scala europea che arriva fino a 5. Un pericolo probabilmente calcolato dal terzetto, che aveva ogni tipo di dotazione necessaria in alta montagna, dalle apparecchiatureArva agli airbag. Erano partiti da Montgenevre, in Francia, dove è stata ritrovata la loro auto. Nel tardo pomeriggio di venerdì l’allarme, le ricerche avviate dalla Gendarmeria francese. Un elicottero ha sorvolato il massiccio montuoso prima del tramonto, ma la scarsa visibilità e il forte vento hanno impedito ai soccorritori di individuare gli alpinisti dispersi. Lo stesso esito negativo ha avuto la prima missione delle due squadre a piedi, l’una francese l’altra del Soccorso Alpino del Piemonte, salite in quota con sci e pelli di foca. Con il buio le ricerche sono state sospese, sono riprese alle prime luci di ieri mattina e poco dopo l’alba i soccorritori in elicottero hanno individuato i corpi: erano in territorio italiano, sotto il Coletto di Cresta Nera, sopra Cesana. Travolti dalla massa di neve in un canalone, i tre alpinisti sono morti per i traumi subiti nella caduta. Lo Sci Club Sestriere ha aggiornato il profilo Fb con una foto in bianco nero di Margherita Beria e il messaggio “Sarai l’angelo più bello lassù”, accompagnato da tre cuoricini. Un amico della guida commenta con dolore e amarezza: “Si muore in posti facili rispetto a tanti altri altri fatti prima”, frase pubblicata sotto il video di una cascata di ghiaccio, un percorso molto più difficile delle nevi dove Adriano Trombetta e la giovane coppia hanno incontrato la morte.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA