Vincono Mercedes e noia



FORMULA 1/ABU DHABI: UN GP SENZA SORPASSI CONCLUDE LA STAGIONE 2017

ABU DHABI. Una gara all’insegna della noia, il Gp di Abu Dhabi, ultima della stagione 2017 e simbolo di quello che la Formula 1 non vorrebbe, e dovrebbe, più essere. Non un emozione, non un sorpasso. Un “trenino” di auto ha trasferito i piloti al traguardo nel- l’esatto ordine di partenza. Unica eccezione Daniel Ricciardo, costretto al ritiro dopo essere partito quarto. Così fanno festa solo il vincitore, Valtteri Bottas, e il team Mercedes, che col secondo posto di Hamilton sigla con una doppietta un’altra stagione trionfale. Non sorride Sebastian Vettel - terzo ma con un ritardo di 20 secondi -, costretto a rimandare ancora il sogno di conquistare un Mondiale con la Ferrari. Non lo fanno i vertici della Scuderia Ferrari, consci che c’è ancora un gap da colmare, e tantomeno i tifosi del Cavallino, che da tempo hanno dovuto riporre le loro bandiere. “Oggi sono partito bene, ma non c’era posto per passare - ha detto Vettel -. Dopo quattro-cinque giri non riuscivo ad andare più rapido e a raggiungere le Mercedes. Complimenti a Lewis, quest’anno è stato il migliore. In inverno lavoreremo per tornare più forti”, ha concluso. Un programma che accomuna tutti i team, dalla Mercedes che non intende cedere l’ormai annosa supremazia, alla Red Bull, anche oggi più vicina alle Rosse - leggi soprattutto Kimi Raikkonen, quarto di poco da- vanti a Verstappen - di quanto queste fossero alle monoposto di Stoccarda. Quindici pole, nove vittoria di Hamilton e tre di Bottas sono il bottino dei tedeschi e le novità regolamentari previste per il 2018 non sembra- no tali da poter stravolgere le gerarchie. Ci sarà quindi da lavorare, a Maranello, per ripetere una stagione comunque di alto livello segnata indelebilmente dal black out di settembre in Asia, quando tutto andò storto. Chi non potrà più riprovarci è Felipe Massa, che stavolta dovrebbe davvero dire addio alla Formula 1. Il brasiliano ha chiuso la gara decimo, conquistando l’ultimo punto mondiale di una carriera lunga e non avara di soddisfazioni. Lo ha preceduto Fernando Alonso, alla sua ultima con l’aborrita power unit Honda e convinto di poter dire la sua l’anno prossimo con la McLaren motorizzata Renault.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA