• Redazione

Vite spezzate sull’asfalto

INCIDENTI STRADALI/RAGAZZA DI 26 ANNI SI AGGIUNGE ALLA LISTA DELLE VITTIME

di Lorenzo Attianese


ROMA. La lunga scia di giovani vittime sulle strade non si ferma neppure la notte di Natale. L’ultima tragedia è avvenuta ad Arce, nel Frusinate, durante la serata della vigilia: a perdere la vita nell’ennesimo incidente mortale è stata una giovane studentessa di 26 anni, Ilaria Lai, che il 24 dicembre scorso, poco prima della mezzanotte stava andando a messa con il padre.

Lo scontro, tra due auto, è avvenuto proprio di fronte ai passanti davanti alla chiesa di Sant’Eleuterio, che stava accogliendo le persone pronte ad assistere alla celebrazione religiosa. Al volante di una Lancia Y, su cui viaggiava Ilaria, c’era suo padre. L’uomo, di 61 anni, è rimasto ferito con una prognosi di 30 giorni. A bordo dell’altra auto, una Giulietta, c’era un altro 26enne, che guidava in direzione opposta. Quest’ultimo è rimasto lievemente ferito. Secondo una prima ricostruzione, la Lancia Y stava svoltando per poter parcheggiare vicino alla chiesa, quando si è scontrata con la Giulietta che, nell’altro senso di marcia, si stava dirigendo verso Fontana Liri. Dopo essere stati sottoposto agli accertamenti, il conducente della Giulietta e lo stesso padre della giovane sono risultati negativi ai test tossicologici su alcol e droga. Il 26enne al momento non sarebbe indagato per omicidio stradale, ma i carabinieri della stazione di Arce e della compagnia di Pontecorvo stanno indagando per stabilire l’esatta dinamica. La comunità è sotto choc: ad Arce in tanti conoscevano Ilaria, laureanda in sociologia e volontaria della protezione civile, e si moltiplicano i messaggi di conforto alla familiari della ragazza, distrutti per quanto accaduto.

A non riuscire ancora a darsi pace per quanto è successo alle loro figlie sono anche in genitori di Gaia e Camilla, le due amiche 16enni morte investite da un’auto la notte tra sabato e domenica scorsi nella Capitale. Alla guida della macchina c’era il 20enne Pietro Genovese, risultato positivo ai test tossicologici e ora indagato per omicidio stradale. I funerali si svolgeranno stamattina a Roma, nella parrocchia del quartiere dove abitavano.

Quasi contemporaneamente, a Capezzano Pianore (Lucca) si svolgeranno i funerali di un’altro ragazzo vittima della strada: il 16enne Dario D’Alessandro, morto in un incidente stradale alla vigilia di Natale quando in sella ad uno scooter è finito contro un muro. Dario, già campione italiano under 18, era una promessa del nuoto pinnato. In queste ore Foggia piange invece la scomparsa di Ilaria Adriatico, la 34enne morta alla periferia della città nell’impatto della sua auto contro un albero. Una morte avvenuta, per ironia della sorte, a pochi giorni da un passo importante che aveva deciso di compiere: la giovane aveva appena ricevuto fa una proposta di matrimonio e con il suo fidanzato aveva pubblicato su Facebook le foto di quel momento, quando erano sulla ruota panoramica montata in città per il Natale. Lui le aveva chiesto di sposarla mostrandole dall’alto uno striscione con un grande cuore rosso piazzato a terra dai suoi amici. Sono tanti i post di cordoglio che amici e conoscenti stanno lasciando alle famiglie delle vittime sui loro profili nei social, negli ultimi giorni diventati un necro- logio di giovani vite spezzate sull’asfalto.

ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA