“Vogliamo giustizia su Giulio”


EGITTO/VISITA LAMPO DI SALVINI DA AL SISI, SU REGENI RICHIESTE DI PIENA LUCE


IL CAIRO. Viaggio lampo e a sorpresa al Cairo del vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini, che ha incontrato il presidente Abdel Fattah Al Sisi, chiedendo in particolare di fare “piena luce sul- l’omicidio di Giulio Regeni” e parlando anche del tema immigrazione, con la que- stione Libia in primo piano, oltre che del rafforzamento delle relazioni bilaterali tra i due Paesi. “Salvini - ha spiegato il premier Giuseppe Conte - è stato oggi in Egitto come concordato ed andrà in Egitto, sempre come concordato, anche il ministro Moavero.

Il presidente del consiglio invece non si muove: si muoverà quando ci saranno passi significativi. Nel frattempo è tornato il nostro ambasciatore: c’è un piano preciso che stiamo seguendo”.

Su Regeni, in particolare, Al Sisi ha confermato a Salvini “la volontà e il gran- de desiderio di arrivare a risultati defini- tivi delle indagini” e di “scoprire i criminali per fare giustizia su questa vicenda”.

E ha sottolineato “l’impegno dell’Egitto a cooperare attraverso le autorità competenti ed il potere giudiziario e di coordinarsi con i loro omologhi italiani”. Soddisfazione è stata espressa da Salvini per la cooperazione assicurata dalle autorità egiziane nelle indagini sulla tortura e l’uccisione dello studente italiano, finalizzata ad assicurare alla giustizia i responsabili di questo crimine.

“Mi è stato promesso chiarezza e chiarezza sarà fatta, con risposte certe e in bre- ve tempo” ha spiegato il ministro di ritorno dal Cairo. Ma non solo di Giulio Regeni si è parlato nell’incontro: alla presenza del ministro dell’Interno egiziano, Mahmoud Tawfiq, del capo della Gene- ral Intelligence egiziana, Abbas Kamel, e dell’ambasciatore italiano al Cairo, Giampaolo Cantini, il faccia a faccia tra Salvini ed Al Sisi è stata l’occasione per uno scambio di vedute su una serie di argomenti internazionali e regionali di comune interesse, in particolare gli ultimi sviluppi in Libia e i flussi migratori irregolari nel Mediterraneo. Le due parti, a quanto si è appreso, hanno convenuto sull’im- portanza di risolvere la crisi libica, basandosi sulla ricostruzione delle istituzio- ni statali, in particolare parlamento e forze armate.

Questo nel pieno rispetto e applicazione dell’accordo di Skhirat, a so- stegno del rappresentante speciale Onu, Ghassan Salamé. Il tutto con l’obiettivo di intensificare ulteriormente gli sforzi comuni e la collaborazione bilaterale nella lotta al terrorismo. “In Libia c’è bisogno di cautela e rispetto - ha sottolineato in conferenza stampa a Roma Salvini - Con l’Egitto, che è un interlocutore privilegiato, abbiamo condiviso che la stabilizzazione del paese non debba passare per balzi in avanti come quelli previsti dai francesi che, questa è la mia convinzione,

sono dettati esclusivamente da interessi economici. L’obiettivo è eleggere un go- verno e un parlamento che abbiano un uni- co esercito”.

Salvini ha sottolineato la profondità e la solidità delle relazioni bilaterali, espri- mendo particolare apprezzamento per la cooperazione esistente tra i due Paesi in diversi ambiti, soprattutto quello econo- mico ed energetico grazie alle scoperte di Eni, e segnalando che l’Italia si appresta ad organizzare una conferenza internazio- nale dedicata al contrasto al terrorismo e all’immigrazione irregolare. Il presidente egiziano, ha detto il suo portavoce Radi, “ha confermato il desiderio di consolida- re la cooperazione tra Egitto e Italia sui diversi scacchieri e di realizzare il parte- nariato strategico tra i due paesi amici”.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA