“Web campo di battaglia”



VENEZIA/MENTRE BABAJ “L’IDEOLOGO” TACE, PARLANO LE INTERCETTAZIONI

VENEZIA. E' il silenzio, dopo le professioni di fede ad Allah e la voglia di uccidere sbandierata sui social, la scelta fatta davanti al Gip da Arjan Babaj, il 28enne ideologo della cellula jihadista sgominata ieri a Venezia. Il kosovaro definito la 'guida spirituale' del gruppo pronto a far esplodere una bomba sul Ponte di Rialto, si è avvalso della facoltà di non rispondere nell'interrogatorio di garanzia sostenuto nel carcere di Venezia. Dake Haziraj (26 anni) e Fisnik Bekaj (25 anni), gli altri due suoi connazionali finiti in manette, saranno sentiti oggi nelle carceri di Belluno e Treviso. Un quarto presunto terrorista è un 17enne, in stato di fermo nel carcere di Treviso; sarà sentito sempre oggi dal Gip che dovrà decidere se procedere con l'arresto o meno. L'inchiesta vede altri 4 indagati con un ruolo 'minore', per i quali si prospetta una rapida espulsione dall'Italia. Vivono tra Venezia, Mestre e Treviso. Solo per uno di loro l'iter potrebbe essere meno veloce, perché aveva appena richiesto il rinnovo del permesso di soggiorno. Sul fronte delle indagini, appare invece sempre più chiaro come per Bekaj fosse il web, al momento, parole sue, il vero campo di battaglia. "Io consiglio di lavorare continuamente in internet - diceva in un'intercettazione - perché anche questa è jihad, non è niente di meno di quello che fanno nei campi di battaglia con il permesso di Allah". Sempre l'ideologo del gruppo inneggiava sui social alla guerra santa per il Califfato, sottolineando che "lo stato islamico si fa con gli uomini, e non con i cetrioli". E proprio sulla rete si sta concentrandol'interesse investigativo delle forze dell'or- dine. Nelle loro mani, oltre a tanti documenti cartacei trovati nel corso delle 12 perquisizioni, vi sono i pc e gli hard disk degli arrestati. Allo stesso modo i tecnici di Polizia e Carabinieri stanno passando al setaccio le memorie dei telefonini usati dai 4 kosovari per mandare sms o 'predicare' la jihad via Istagram. Proprio dall'account di Haziraj gli investigatori sono risaliti ad un ulteriore profilo, più inquietante, cogestito con Bekaj, che aveva ben 18mila fol- lowers, tra cui alcuni foreign fighters. Bekaj, che si firmava "gurhaba", appare come una vera star del proselitismo jihadista: attraverso i molti 'like' ai suoi post, gli inquirenti sperano giungere ai sostenitori gruppo 'veneziano'.


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA