Zeltweg, incognita sicurezza


MOTOGP/ROSSI: “POCHE VIA DI FUGA, DUE O TRE PUNTI SONO MOLTO PERICOLOSI”


VIENNA. Archiviati in fretta gioie e doloridellagaradiBrno,chehaisolato Marc Marquez in testa alla classifica, i protagonisti della MotoGp sono già in Austria, dove domenica si corre l’undicesima tappa del Mondiale.

Nella conferenza stampa del giovedì mancavano Andrea Dovizioso e Jorge Lorenzo, piloti di quella Ducati che l’anno scorso dominò sulla pista dello Spielberg, ma a indicarli come favoriti anche per questa edizione ci ha pensato Valentino Rossi: “La pista è velocissima, e ci sono frenate importanti.Inoltreilmeteononsembra positivo, bisognerà quindi essere molto concentrati. Io cercherò di essere rapido in tutte le condizioni, ma credo che le Ducati siano le moto da battere. Dovizioso è molto forte e anche Lorenzo sa di avere una buona opportunità per vincere”.

Da quello che si è visto domenica, problemi del “flag to flag” a parte, il primo a potersi mettere di traverso alle aspirazioni di vittoria della scuderia di Borgo Panigale sarà Marquez con la sua Honda: “Quest’anno lui è veloce su tutte le piste, per questo è più avanti in classifica - ha ammesso Rossi -. Io, invece, ho alti e bassi. A volte sono competitivo, altre soffro molto”.

“A Brno avevo un buon feeling con la moto e lunedì il test è stato positivo - ha continuato il pilota della Yamaha -. La nuova carena? Forse questa pista non è perfetta per adottarla”. Rossi è poi tornato sui problemi avuti domenica nel “flag toflag”. “E’ dura per tutti in questi casi - ha affermato -. Bisogna trovare il momento giusto per rientrare, ma è sempre diverso. Domenica la pista si è asciugata molto in fretta. Noi di sicuro dobbiamo fare meglio”. Valentino ha anche espresso qualche timore per le condizioni di sicurezza a Zeltweg: “In una pista dove velocità media e di punta sono così alte credo che le vie di fuga non siano mai sufficienti. Due o tre punti sono molto pericolosi. Domani andremo in pista e poi parleremo insieme alla commissione di sicurezza”. “L’anno scorso qui ho faticato - ha dichiarato Marquez, che nel 2016 finì quinto -, la moto mancava di accelerazione e la gomma posteriore è decaduta parecchio. Vediamo come va stavolta. L’importante è fare i passi giusti per trovare il miglior assetto, anche guardando al meteo. Quello di base sembra funzionare bene e nei test di lunedì abbiano provato alcune migliorie che qui, dove ci sono accelerazioni e frenate forti, possono servire”. Chicercheràpuntiperlaclassifica, che lo vede secondo alle spalle del connazionale,èMaverickVinales.“La pista mi piace, l’anno scorso (con la Suzuki, ndr) ero andato bene - ha detto il compagno di squadra di Rossi -. Nei test di lunedì abbiamo trovato un bel ritmo. Sono ottimista e davvero pronto anche se, date le condizioni meteo instabili, dovremo prepararci per tutte le situazioni”.


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA